Museo Marino Marini

Nella notte fra il 14 e il 15 gennaio del 1968, un terremoto distrusse decine di centri della Valle del Belice, tra i quali Gibellina. Il primo problema che si pose, innanzi a chi era corresponsabile della rinascita di questa città, fu quello di restituire la forza della speranza a gente che fuggiva per ogni parte del mondo temendo di non più tornare. Il Governo offriva le navi per andare in Australia o in Venezuela. Il Genio Civile aveva affidato alle ruspe il compito di distruggere tutto quel che il terremoto aveva lasciato in piedi. La sfida era resistere a Gibellina contro ogni speranza. E che cosa, se non l’arte, la cultura, la musica e la poesia potevano tessere le trame della rinascita? Non dimentichiamo che era il 1968, l’epoca delle grandi utopie. Una città non si ricostruisce con un disegno e una bacchetta magica, imponendo uno stile su un altro. Una città si ricostruisce negli anni, nei secoli. Sono passati meno di vent’anni dalla ricostruzione di Gibellina. Questo, per Gibellina, è solo l’inizio di un cammino. Cominciammo a scavare non più nelle sole macerie del passato, della memoria, ma nelle radici della nostra storia complessiva: non soltanto dunque in quella di Gibellina e del Belice, ma nella storia della Sicilia, del Mediterraneo.

Ludovico Corrao, Sindaco della ricostruzione
Introduzione al libro “I Maestri di Gibellina” di Davide Camarrone, 2011

Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini
Niccolò Vonci Museo Marino Marini